SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

BASKET NBA – LeBron James a Los Angeles, qui si fa la storia

3 min read

Prendete il giocatore più forte degli ultimi anni; immaginate di inserirlo in una delle squadre più blasonate dell’Nba, una di quelle franchigie che hanno fatto la Storia del basket.

Fatto? Quello che appariva un sogno è divenuto realtà: Lebron James ha firmato con i Los Angeles Lakers. Da una parte Lebron: un palmares ricchissimo, tre anelli vinti fra Miami e Cleveland, 4 volte Mvp della regular season e tre volte Mvp delle finali, 14 volte All Star, due medaglie d’oro e una di bronzo alle Olimpiadi con il team Usa.

LeBron ha firmato un quadriennale con i Lakers, la squadra che ha vinto ben 16 titoli, secondi solo ai Boston Celtics e che nel passato ha avuto il piacere e l’onore di vedere nelle sue fila campioni del calibro di Magic Johnson, Kareem Abdul- Jabbare il suo gancio cielo, Kobe Briant, Shaquille O’Neal, la squadra che inventò lo “Show time” e che ha visto in panchina mostri sacri come Pat Riley, vincitore di 4 titoli con i californiani o Phil Jakson (sì, quello dei Chicago di Jordan, fra le altre cose) che ha continuato a vincere ancora con i Lakers, ultimo a vincere il titolo nel lontano 2010.

Sono passati ben otto anni, troppi per una squadra così celebre e titolata. Il matrimonio con Lebron, il “Predestinato” fa già sognare, non solo i tifosi di Los Angeles, ma tutti gli amanti di questa disciplina. Non è detto che basterà per vincere il titolo, ancora qualcosa deve essere fatto sul mercato, ma da ieri i social, i giornali americani (e non solo) sono letteralmente impazziti di fronte a questa clamorosa notizia.

Che Lebron avrebbe lasciato Cleveland era abbastanza scontato dopo il 4-0 subito nella finale di quest’anno contro i Golden State. Troppa la differenza fra la forza del campione e la modestia della squadra, letteralmente trascinata dal suo fenomeno, anche un po’ a sorpresa alle finali, nonostante una stagione regolare non proprio esaltante. Non sarà stato facile per il campione lasciare la sua città natale che probabilmente tornerà nell’anonimato per qualche anno.

Troppo forte la tentazione di James di giocare nella città degli angeli. Inutile negare che il contratto di 154 milioni di dollari in quattro anni sia stato un valido incentivo per cambiare casacca, ma conoscendo il Prescelto (scusatemi, ma Lebron ha una marea di soprannomi) più forte è stata la motivazione di riportare i Lakers agli antichi fasti. Una curiosità: è la prima volta che giocherà in una squadra dell’Ovest e quindi affronterà, in caso di playoff i Golden State Warriors, affrontati nelle ultime quattro finali, di cui solo una vinta.

Lebron ha salutato con affetto i suoi tifosi di Cleveland, ringraziandoli per le emozioni che gli hanno fatto vivere. E’ vero il contrario, è lui che ha dispensato sogni ed emozioni alla sua città natale, portandola a risultati che nessuno avrebbe mai osato immaginare.

Ora tocca a Magic Johnson costruire intorno al nuovo asso della franchigia una squadra che da subito possa essere protagonista. L’obiettivo di James è chiaro: essere protagonista e riportare i Lakers al centro del massimo campionato mondiale di basket. Sarà una bella Nba l’anno prossimo…E siamo ancora in pieno mercato…

Ma sappiamo già che questo colpo di mercato clamoroso non sarà eguagliato per i prossimi decenni. Già i californiani sognano un nuovo “Show time”…E non solo loro!

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.