BASKET WORLD – Belgrado passa a Milano

AX Armani Exchange Milano – Crvena Zvezda MTS Belgrado 88 – 91 (15-29; 40-45; 60-61)

Milano: Goudelock 3, Micov 16, Pascolo 2, Kalnietis 5, Tarczewski 4, Cinciarini 11, M’Baye 14, Theodore 10, Jefferson 1, Bertans 14, Jerrells , Gudaitis 8 All. Pianigiani

Belgrado: Radicevic ne, Dangubic 7, Davidovac 7, Lazic 5, Antic 5, Feldeine 19, Jankovic 2, Rochestie 12, Lessort 14, Ennis 2, Jovanovic ne, Bjelica 18 All. Alimpijevic

Arbitri: Peruga , Pastusiak , Foufis

Spett. 8670

Nell’ultima gara del 2017 l’Olimpia Milano ospita la Stella Rossa di Belgrado, che in classifica la precede di solo due lunghezze in un match alla portata dei padroni di casa, che rischiano in caso di sconfitta di chiudere nuovamente all’ultimo posto la classifica di coppa al giro di boa.

Coach Pianigiani parte con Goudelock, Micov, Tarczewski, Theodore e Jefferson, mentre il giovane coach serbo decide di schierare Dangubic, Feldeine, Rochestie, Lessort e Bjelica, scegliendo Antic come sesto uomo.

Primo quarto targato Serbia, con Milano che fatica a trovare la via del canestro, complice soprattutto i suoi due esterni Goudelock e Theodore in pessima serata anche a causa di qualche acciacco fisico, con gli ospiti che si portano anche sul più 15, sfruttando un parziale di 9 a 0 grazie a tre triple dagli angoli alle quali Milano non riesce a reagire.

Nel secondo quarto, dopo aver provato Jerrels (non in ottime condizioni fisiche e solo 6 minuti di gioco per lui stasera), coach Pianigiani decide di affidarsi al capitano Cinciarini, poco utilizzato in Eurolega, che riesce in cabina di regia a dare gioco e ritmo offensivo alla propria squadra, coinvolgendo spesso i compagni e innescando l’ottimo Bertans, dando così il via alla rimonta milanese.

Nel terzo quarto dal meno 5 dell’intervallo, Milano sembra sprofondare nuovamente, complice brutti attacchi offensivi, finendo nuovamente a un distacco in doppia cifra, ma, guidata sempre da Cinciarini e panchinati definitivamente i tre esterni USA Theodore Goudelock e Jerrels, riesce a rimanere a contatto con i serbi, chiudendo solamente a una lunghezza di distacco il terzo periodo di gioco.

Ultimi dieci minuti caratterizzati da una Milano targata Europa (quintetto senza extra continente in campo, con il solo M’Baye in campo nei momenti chiavi) che riesce a fatica rimontare punto dopo punto, dopo essere nuovamente finita a meno 9 a cinque minuti dal termine, a recuperare fino ad impattare la gara sull’ 83 pari a 52 secondi dal termine.

Tavola apparecchiata per un finale punto a punto, nonostante le premesse del primo quarto, con Belgrado che dall’arco e con i liberi dell’ottimo ex canturino Feldeine riesce a mantenere sempre la testa avanti e vincere al Forum di Assago con il punteggio di 91 a 88, relegando all’ultimo posto Milano nella classifica al termine del girone di andata.

About Massimo Consonni 82 Articles
Massimo Consonni, nato a Monza il 08/03/1981. Laureato in Scienze Motorie nel 2005, nel 2006 ottiene un Master Universitario di 2° livello in "Management e gestione dello sport e degli eventi". Da sempre appassionato di pallacanetsro a 360°, prima come giocatore, poi una carriera di arbitro che lo porta fino alla C1, attulamente è tesserato per la FIP come Istruttore Regionale Minibasket, Preparatore Fisico e Allenatore. Durante la sua carriera ha avuto modo di collaborare nel giugno 2012 e 2013 in qualità di Allenatore presso la University of Texas a Austin, TX negli Stati Uniti presso i loro camp estivi; oltre ad allenare lavora con contratti propri e in collaborazione con FIP e CONI nell'ambito delle scuole primarie della Brianza. Collezionista di card NBA e DVD di partite di basket, gestisce il sito di scambio DVD http://bballdvds.webs.com attraverso il quale è in contatto con collezionisti di tutto il mondo.