BASKET WORLD – Milano batte Varese

EMPORIO ARMANI MILANO-OPENJOBMETIS VARESE 74-73 (20-15, 39-34, 56-52)
MILANO: Goudelock 21, Micov 7, Pascolo ne, Fontecchio 3, Cinciarini, Cusin 2, Abass ne, M’Baye 7, Theodore 21, Jefferson 4, Bertans 2, Gudaitis 7. Allenatore: Pianigiani.
VARESE: Avramovic 5, Pelle, Bergamaschi ne, Natali 5, Okoye 14, Tambone 2, Cain 5, Ferrero 4, Wells 11, Waller 14, Hollis 13. Allenatore: Caja.

ARBITRI: Lo Guzzo-Bartoli-Bongiorni.

Esordio casalingo per la nuova era Olimpia Milano targata Simone Pianigiani ed è subito tempo di derby (il secondo dopo l’esordio vincente a Cremona) visto che al Forum di Assago è ospite la Openjob Metis di Varese: derby dal passato e fascino storico che negli ultimi anni ha perso un pò di fascino, complice anche la poca competitività del roster di Varese.

Primo quarto in equilibrio (come lo sarà per quasi tutta la partita), che si chiude sul punteggio di 20 a 15 per i padroni di casa, supportati da una buona parte offensiva di Goudelock e Theodore che sfruttano al meglio il gioco di Coach Pianigiani improntato sui tanti pick and roll in continuità portati da un buon Cusin, soprattutto a inizio partita.

Secondo quarto con Varese che non cede, costringendo Milano a chiamare entrambi i time-out a disposizione in seguito ad alcuni black out offensivi e di adeguament difensivi da attuare per arginare i due terminali offensivi di Varese, Waller e Okoye, che chiuderanno entrambi a 14 punti.

Dopo la pausa lunga sul punteggio di 39 a 34 Milano uscendo dagli spogliatoi cerca di allungare, ma la squadra ospite sembra non mollare grazie anche alle buone percentuali dall’arco da tre punti e rimane incollata ai padroni di casa, riuscendo ad impattare per ben due volte il punteggio.

Negli ultimi sei minuti di gioco Milano entra in totale blackout offensivo, complice anche il monopolio delle giocate offensive dei suoi due esterni Theodore e Goudelock, che sì trovano giocate solitarie, ma estraneano completamente dal gioco gli altri tre compagni di squadra sul campo (unico tiro dal campo dei compagni del duo statunitense è di Micov in sei minuti di cronometro), ma Varese, complice anche la scarsa percentuale ai liberi e l’uscita per falli di Okoye e Natali, non riesce a concretizzare la rimonta, perdendo col punteggio di 74 a 73.

Per Milano buone prove dei già citati Goudelock e Theodore, mentre per Varese Waller e Okoye su tutti.