CALCIO ESTERO – Il punto settimanale del weekend europeo

Sui campi europei, lo scorso weekend, è successo letteralmente di tutto: partite mozzafiato, risultati sorprendenti e gol da tramandare ai posteri. Scendendo nel dettaglio, ci preme partire il nostro viaggio immaginario dalla Germania, dove il Bayern Monaco di Ancelotti non è più capolista solitaria. Nel big match di Bundesliga, infatti, i bavaresi non sono andati oltre l’1-1, all’Allianz Arena, contro il super Hoffenheim del giovane tecnico prodigio Nagelsmann. Al gol capolavoro di Demirbay, i padroni di casa hanno risposto con rabbia, trovando il pari grazie ad un autorete del team del Baden-Wurttenberg, ma non riuscendo a ribaltare il risultato in modo totale. In testa (pari merito col Bayern) è così arrivato il super RB Lipsia di questo avvio di stagione, in grado di schiantare, in casa, anche il Mainz. Tre a uno il finale in favore delle lattine, che potranno approcciarsi al prossimo turno con speranze di gloria. Al rientro dalla pausa ci sarà infatti un doppio duello da urlo, col team di Hasenhuttl atteso sul campo del Bayer, e quello del tecnico ex Milan sul campo del Borussia Dortmund.

A proposito di Dortmund, i gialloneri hanno ritrovato la verve dei tempi migliori, demolendo a domicilio il sempre più disperato Amburgo. Quattro i gol per Aubameyang, che ha così scacciato in modo chiaro la presunta crisi tecnico-motivazionale delle ultimissime settimane.
Scossone anche in vetta alla Premier League, dove è rimasto in solitaria il Liverpool di Klopp. I reds hanno asfaltato, ad Anfield Road, un Watford mai in partita. Mazzarri e i suoi ragazzi se ne sono tornati a Nord di Londra con sei reti subite (a fronte dell’unica realizzata) e la sensazione diffusa di impotenza di fronte alla macchina di calcio che è la squadra del Mersey in questo momento. In seconda piazza della graduatoria è arrivato di prepotenza il Chelsea di Conte, alla quinta vittoria consecutiva, in grado di annientare 5-0 a Stamford Bridge un Everton irriconoscibile. L’allenatore Leccese si gode una formazione in forma a dir poco smagliante, pronta a dare battaglia a tutte le contendenti fino a Maggio.

Solo pari invece per Arsenal e City. Ma se per i Gunners ci poteva stare, visto il probante impegno nel North London derby, contro degli Spurs ancora imbattuti, sa di beffa invece il punto degli Skyblues. Il team di Guardiola si è infatti visto rimontare il goal di vantaggio nel recupero della gara casalinga contro il Boro, dopo aver sciupato una serie di occasioni clamorose. Più indietro, ecco il risveglio dello United, che ha archiviato con successo la pratica Swansea. Tre a uno al Liberty stadium per la banda Mou, con le firme pregiate di Pogba e Ibra. Fine settimana complesso invece per il Leicester di Ranieri, che ha perso nuovamente, in casa, contro il WBA.
In Francia è arrivata la prima sconfitta stagionale per il Nizza di Mario Balotelli, battuto uno a zero a Caen. Ne hanno approfittato senza esitare Monaco e PSG, entrambe in grado di assicurarsi due semplici ed abbndanti vittorie casalinghe ed accorciare sulla vetta, ora distante solamente tre miseri punticini.

La sorpresa forse più grande però è giunta dall’Anoeta, dove l’Atletico del Cholo Simeone ha patito una sconfitta pesantissima, sul campo di una Real Sociedad in forma eccezionale. Due a zero secco, senza discussioni. Forse la pausa farà bene ai materassai. Discorso diverso per Villarreal e Real Madrid, in grado di vincere e convincere, in casa, rispettivamente contro Betis Siviglia e Leganes. Infine spettacolo eccezionale nel big match della Domenica sera tra Siviglia e Barcellona. Gli Andalusi hanno giocato una prima frazione da tramandare ai posteri, ma poi si è svegliato il Dio del calcio Messi, ed ha rivoltato come un calzino il match del Sanchez Pizjuan.

Goal, assist e giocate sensazionali in serie per lui, apparso in una condizione sublime. Tre punti d’oro per i catalani che, nonostante qualche problemino in questa fase dell’annata, si sono mantenuti a sole due lunghezze dai rivali di sempre.