SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

Eurovolley 2015 – L’Italia fa impazzire Busto Arsizio: 3-0 alla Russia ed è semifinale!

5 min read

Non poteva esserci conclusione migliore per la tappa di Busto Arsizio dei Campionati Europei di Pallavolo Maschile: un’Italia stratosferica travolge la Russia campione in carica in tre set e centra la qualificazione alle semifinali di Sofia, incantando i 4500 spettatori di un PalaYamamay completamente “sold out” con una prestazione al di là di ogni immaginazione. Una serata davvero magica per gli azzurri e per lo scatenato pubblico bustocco, stavolta tutto schierato a favore dell’Italia dopo l’invasione finlandese dei primi giorni di gara.

In precedenza la Francia si era qualificata a sua volta alle semifinali superando per 3-1 la Serbia, grazie soprattutto a una superlativa prestazione di Ngapeth.

 

In semifinale l’Italia affronterà la Slovenia di Andrea Giani, protagonista della sorpresa più clamorosa degli Europei: il successo per 3-2 contro i campioni del mondo della Polonia. Dall’altra parte del tabellone ad affrontare la Francia ci saranno i padroni di casa della Bulgaria, vittoriosi sulla Germania per 3-0. Le due semifinali si giocheranno sabato 17 ottobre a partire dalle 17.30 (16.30 italiane) a Sofia, che domenica 18 ottobre ospiterà anche le finali per le medaglie.

 

Nel primo quarto di finale la Francia batte la Serbia per 3-1 (25-22, 25-23, 14-25, 25-20) in un vero e proprio remake della finale dell’ultima World League, eliminando la squadra di Nikola Grbic dalla competizione. L’avvio di gara è equilibrato e spettacolare: 8-7, 12-12. Ngapeth si scatena e piazza un break importante (16-13) ma arriva la reazione di Atanasijevic per il 19-20; solo nel finale Rouzier fa la differenza per il 25-22. Grande pallavolo anche nel secondo set: dal 6-3 iniziale la Serbia recupera fino al 14-14 con il solito Atanasijevic, ma la Francia torna avanti 19-15. Un nuovo tentativo di rimonta serbo (23-22) viene cancellato ancora da Rouzier per il 25-23. Jovovic e compagni reagiscono furiosamente nel terzo set, dominato dall’inizio alla fine (2-8, 9-18) ma nel quarto è la Francia a scattare di nuovo avanti 10-5. Dopo il passaggio al 16-12 sono Tillie e Le Roux a procurare ben 7 match point ai “bleus”: al quarto tentativo arriva il 25-20 che chiude il discorso.

Benjamin Toniutti parla di “French style volleyball” per definire la prestazione dei suoi: “Abbiamo perso la concentrazione nel terzo set, ma nel quarto abbiamo iniziato davvero bene e fatto quello che serviva per vincere. Ora abbiamo due giorni per prepararci alle semifinali”. Nikola Grbic rende onore agli avversari: “Quando perdi è normale cercare di giustificare la sconfitta con errori tecnici, ma penso che sia stata soprattutto la Francia a giocare un gran match e meritare la vittoria. Dobbiamo ammettere che ci sono stati superiori”.

 

Tocca poi all’Italia scendere in campo e il risultato è un clamoroso 3-0 ai danni della Russia campione uscente (25-19, 25-20, 25-19), tramortita sotto i colpi dell’inarrestabile squadra di Blengini. Per tutta la durata dell’incontro gli avversari non riescono mai a impensierire gli azzurri: la ricezione russa va nel panico, lo spauracchio Muserskiy si limita a un solo muro e gli attaccanti italiani vanno a segno con percentuali stellari. Già nel primo set Giannelli giganteggia a muro per l’11-7, poi Juantorena sigla il 16-10; l’ingresso di Grankin serve a poco alla Russia, che subisce il 25-19 senza colpo ferire. Nel secondo set è Zaytsev a suonare la carica con due ace per il 10-6; al secondo time out tecnico l’Italia è avanti 16-13 e il tentativo di rimonta russo (23-18) viene frustrato dal 25-20 di Lanza. La musica non cambia nel terzo set, per l’entusiasmo del pubblico di Busto: 10-7, 12-8 e addirittura 20-14 con Zaytsev. Gli azzurri tremano un po’ nel finale (23-18) ma ci pensa ancora lo “Zar” a chiudere: 25-19. E la festa può iniziare.

Gianlorenzo Blengini è di poche parole al termine della gara: “Volevamo fortemente questa vittoria, per l’importanza della partita e per il fatto di giocare davanti al nostro pubblico. Sono davvero soddisfatto. Ora i giocatori devono riposare e concentrarsi sulle semifinali, che dovremo preparare benissimo”. Gioia immensa per Simone Giannelli: “Che vittoria! Abbiamo giocato davvero bene. Certo la Russia non era al meglio, ma noi siamo stati grandi. Voglio ringraziare soprattutto i nostri tifosi che non hanno mai smesso di sostenerci”.

 

 

 

Tantissimi i “VIP” dal mondo della pallavolo presenti in tribuna al PalaYamamay per sostenere gli azzurri: tra gli altri il CT della Nazionale femminile Marco Bonitta, giocatrici e staff della Unendo Yamamay Busto Arsizio, dell’Igor Gorgonzola Novara e dellaFoppapedretti Bergamo. Molte anche le autorità, tra cui l’assessore allo Sport della Regione Lombardia, Antonio Rossi, e il sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli.

 

I Campionati Europei lasciano Busto Arsizio con un bilancio straordinario: quasi 19000 spettatori in cinque giorni di gara, un tifo straordinario da tutte le regioni coinvolte, un’organizzazione che ha ricevuto unanime apprezzamento. Grande anche l’attenzione da parte dei media: ben 90 giornalisti41 fotografi e 6 reti televisive da tutti i paesi coinvolti presenti al PalaYamamay, servizi e articoli su tutti i principali mezzi d’informazione nazionali e internazionali. Un ringraziamento doveroso va agli oltre 100 volontari il cui apporto è stato indispensabile per la riuscita dell’evento, oltre a tutti i partner e gli sponsor che hanno reso possibile la manifestazione.

Gli Europei si trasferiscono ora a Sofia per l’attesissima final four di sabato 17 e domenica 18 ottobre: da Busto Arsizio un enorme “in bocca al lupo” alla Nazionale italiana!

(Crepi il lupo amico Eugenio Peralta, Eurovolley 2015 – Ufficio Stampa Busto Arsizio, grazie della collaborazione preziosa a Sic!!! )

 

Quarti di finale

Francia-Serbia 3-1 (25-22, 25-23, 14-25, 25-20)

Polonia-Slovenia 2-3 (17-25, 19-25, 25-23, 25-19, 14-16)

Russia-Italia 0-3 (20-25, 19-25, 19-25)

Bulgaria-Germania 3-0 (25-19, 25-23, 25-23)

 

Semifinali (17/10 a Sofia)

Bulgaria-Francia

Slovenia-Italia

Le gare inizieranno alle 17.45 e 20.45 ora locale. Gli orari saranno definiti in base a esigenze di programmazione televisiva.

 

Finali (18/10 a Sofia)

Finale per il terzo posto ore 17.30*

Finale per il primo posto ore 20.45*

*ora locale

 

Francia-Serbia 3-1 (25-22, 25-23, 14-25)

Francia: Aguenier ne, Grebennikov (L), Rouzier 20, Toniutti 2, Tillie 10, Ngapeth 16, Le Roux 11, Lyneel ne, Pujol, Le Goff 6, Marechal 3, Lafitte, Rossard (L) ne, Sidibe ne. All. Tillie.

Serbia: N.Kovacevic 6, U.Kovacevic 8, Petric 10, Stankovic 3, Ivovic 3, Jovovic, Atanasijevic 16, Starovic ne, Brdjovic ne, Majstorovic (L) ne, Podrascanin 9, Rosic (L), Lisinac 6, Okolic. All. Grbic.

Arbitri: Dudek e Piasetski.

Note: Spettatori 2000 circa. Francia: battute vincenti 5, battute sbagliate 14, attacco 52%, ricezione 67%-41%, muri 9, errori 29. Serbia: battute vincenti 2, battute sbagliate 13, attacco 51%, ricezione 64%-49%, muri 10, errori 21.

 

Russia-Italia 0-3 (20-25, 19-25, 19-25)

Russia: Obmochaev (L), Kruglov 3, Kovalev, Volvich 3, Grankin 1, Sivozhelez 4, Savin, Vlasov 3, Muserskiy 6, Poletaev 3, Ilinykh 1, Kliuka 13, Mikhailov 7, Verbov (L). All. Alekno.

Italia: Sottile, Vettori ne, Juantorena 8, Giannelli 2, Rossini, Zaytsev 14, Lanza 12, Buti 5, Colaci (L), Piano 2, Antonov ne, Sabbi ne, Anzani ne, Massari (L) ne.

Arbitri: Hudik e Barnstorf.

Note: Spettatori 4500. Russia: battute vincenti 5, battute sbagliate 16, attacco 43%, ricezione 46%-35%, muri 7, errori 32. Italia: battute vincenti 4, battute sbagliate 10, attacco 56%, ricezione 55%-34%, muri 3, errori 14.

(Ufficio Stampa)

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.