Ferrari campione? Eccessi e censure dopo la vittoria di Vettel

600 vet win
Sebastian Vettel (29 anni) fa ritorno ai box festeggiato dopo la vittoria nel GP inaugurale

 
Ferrari campione? Sembra sparito il punto di domanda finale, a giudicare da tutto ciò che è successo dopo che Sebastian Vettel ha tagliato per primo il traguardo di Melbourne.

La scuderia di Maranello ha festeggiato il 12 marzo i 70 anni. In Formula 1 la Rossa vanta 225 vittorie e 31 titoli iridati (15 piloti, 16 marche). 15 campionati piloti che si sono spartiti 9 campioni: Raikkonen, Schumacher, Scheckter, Lauda, Surtees, Phil Hill, Hawthorn, Fangio e Ascari.

Insomma, primati assoluti, che, con occhio distaccato, stonano con le enfatiche cerimonie di festa di domenica, come se la Scuderia fosse al primo successo iridato.

Ok, un pilota Ferrari non saliva sul primo gradino del podio da oltre una stagione. Ma eloquente è stata la ripresa dall’alto durante la premiazione. Un turbinio di bandiere italiane o col Cavallino sventolate, non lungo il rettilineo dove i tifosi si erano assiepati con troppo anticipo, ma dai meccanici ferraristi in versione ultras. Su di essi Vettel si è lanciato per ben due volte, roba che Hamilton o Rosberg hanno fatto forse un paio di volte negli ultimi 3 anni!
Poi, incontenibili, ecco gli uomini di Maranello cantare l’inno di Mameli a squarcia gola, con il po-po-poroppo da stadio, immancabile, ad accompagnare il ritornello. Chissà cosa avrebbe pensato il Drake, sempre proiettato al successo venturo…

Certamente l’imponente sforzo invernale dei tecnici Ferrari giustifica, nella sostanza più che nella forma, i traboccanti brindisi di fine gara.

600 vet press
Sebastian Vettel (29) e Lewis Hamilton (32) durante la conferenza stampa del GP d’Australia

 
Meno giustificazioni hanno, invece, i telecronisti o gli opinionisti TV. Loro sì che dovrebbero mantenere un certo aplomb apparendo, sempre, super partes.

Ma i media italiani, non solo hanno festeggiato la vittoria della Ferrari come fosse la prima, ma si sono dimenticati che in F.1 vince chi sviluppa meglio la monoposto durante la stagione. 12 mesi fa proprio la Ferrari ha subito una dura lezione dalla Red Bull: a Melbourne fu a un passo dalla vittoria, a Abu Dhabi con 70 punti di distacco dagli anglo-austriaci vice-campioni. Zeru tituli.

Vettel nel dopo gara Sky Sport F.1 è stato intervistato due volte. Senza dimenticare anche l’intervista ufficiale della conferenza stampa; un rito sacro dei Gran Premi, per quanto avaro di emozioni, che però è stato spudoratamente tagliato dalla regia della pay-tv: Hamilton e Bottas, 2° e 3°, sono stati sacrificati alla festa ferrarista.

Un lungo dopo gara, passato a chiedersi quanto a Maranello siano stati bravi, intelligenti, coraggiosi…

Nessuno però che ha sottolineato come Raikkonen, domenica al volante dell’altra Rossa, sia stato incalzato dalla Red Bull di Verstappen e mai in scia alla Mercedes di Bottas, sia in qualifica che in gara.

L’unico davvero lucido è sembrato proprio Vettel, quando ancora nell’abitacolo, via radio, tra i complimenti alla squadra ha buttato lì con buon italiano un saggio “con calma”.

Giornalisti, telecronisti, opinionisti dovrebbero essere i primi a dispensare quella calma richiesta dal tedesco, senza cavalcare gli animi bollenti dei tifosi. Far crescere un pubblico televisivo consapevole, appassionato, informato e critico (vaste programme), dovrebbe essere la missione di un buon giornalista. Anche perché, se si coltivano telespettatori tifosi, non ci si può lamentare del calo degli ascolti appena le Rosse non vincono.

Altrimenti per risollevare l’audience si è ridotti in cabina di commento a spacciare un paio di sorpassi nelle retrovie come “sorpassi di qualità”. Non si raggiunge quella tanto desiderata “cultura sportiva”, se una firma storica del motorsport ammette nel post gara che la spettacolarità delle corse è secondaria se a vincere è una Ferrari.

Per Hamilton e Bottas nel 2017 sarà dura. Non solo dovranno sudarsi le vittorie, ma anche l’attenzione dei microfoni.

1curve
La prima curva della stagione 2017

 
Francesco Bagini
La Formula Magica