SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

L’ANGOLO DEL COLLEZIONISTA – “Anvedi gli ammerricani”

2 min read

Oggi si vola negli States… terra di pari opportunità, di sogni da realizzare e… del Collezionismo più folle che possa esistere.

Negli Stati Uniti si colleziona di tutto (ma davvero tutto!) ed anche in termini sportivi le scelte sono tra le più disparate e spesso care che un italiano possa immaginare.

Iniziamo dicendo che come per le Match Worn descritte nella prima puntata, anche da loro esiste una classificazione più o meno riconosciuta da tutti per le distinzioni tra maglie.

Da loro le maglie indossate si chiamano Game Used, ma il risultato non cambia.

Hanno inoltre adottato da anni altre categorie di riconoscimento, tra cui le “maglie preparate per la partita specifica, ma mai scese in campo”.

Una sorta quindi di Issued con un Quid in più per i Collezionisti.

Rispetto a noi si affidano spesso e volentieri a centri di certificazione (seri e certificati a loro volta) per le varie autenticità (il COA) o a enti veri e propri che gestiscono direttamente con le società le maglie con tanto di numero di serie, loghi ecc.

Una su queste è la famosa MeiGrey http://www.meigray.com/, ente in assoluto più affidabile (e caro) in questo tipo di settore.

Girando per le vie di ogni cittadina o metropoli americana vedrete i più disparati negozi di Memorabilia Sportive per maglie indossate, autografate, palloni, figurine (che sono una delle cose più collezionabili!).

Nel web, per i comuni mortali del vecchio continente, esistono vari siti specializzati e forum sia di discussione che di vendita.

A queste si aggiungono le sezioni “Game Used Memorabilia” dedicate su http://www.ebay.com dove la domanda/offerta è più fluida e spesso conveniente.

Lo scopo di questi articoli, come ben sappiamo, non è lo spiegare le varie differenze specifiche di ogni maglia, ma vi basti sapere che con tutte le differenze del caso, certificati vari e “compagnia cantante”, non sarà difficile trovare maglie a 2000-3000 dollari.

Il consumismo quindi, anche nel mondo puramente collezionabile, la fa da pardone in lungo ed in largo.

Con la vastità di sport e squadre professionistiche da cui pescare poi, il film “Non è un paese per vecchi” si trasformerebbe in “Non è un paese per poveri”.

Nella prossima puntata, uscendo momentaneamente dal discorso Match Worn, torniamo in Europa con le differenze di concezione di “maglia ufficiale” in Italia e UK.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.