SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

MARTIN ØDEGAARD, IL TALENTO DI CUI TUTTI PARLANO

2 min read

Essere paragonato a Messi ad appena 16 anni è forse un azzardo, ma certo, è sicuramente un bel biglietto da visita.

Stiamo parlando di Martin Ødegaard, il nuovo talento del panorama calcistico europeo.

Nato il 17 dicembre 1998 (non ancora sedicenne, quindi) Martin è diventato il più giovane di sempre in una competizione Uefa per nazionali. Infatti, Per-Mathias Høgmo, CT norvegese, ha deciso di convocare Ødegaard, puntando su di lui contro Emirati Arabi, Bulgaria ed Estonia.

Martin è talmente giovane, che per essere inserito nelle liste di Football Manager (il gioco manageriale per pc più famoso al mondo) ha dovuto attendere l’ok dei genitori.

Ma chi è realmente Martin Ødegaard?

Martin Ødegaard è un centrocampista offensivo o un fantasista, usando una vecchia definizione. Mancino, dotato di una tecnica incredibile, ha, secondo vari osservatori “anche un’intelligenza calcistica e una visione di gioco eccezionale per la sua età”. Figlio d’arte (il padre Hans Erik ha giocato nella serie A norvegese per un decennio), gioca nel Strømsgodset. Dallo scorso aprile ha debuttato con i grandi, nella Tippeligaen norvegese. Il più giovane della storia a esordire, dopo un mese il più giovane a segno.

Ad oggi, il suo curriculum vanta 19 presenze, 3 gol e 6 assist. La prima chiamata in nazionale è arrivata a furor di popolo, in un paese che manca la qualificazione a un Mondiale proprio dal 1998 (destino?).

Gli occhi dei top club europei, ovviamente, sono piombati su di lui.

Si prospetta un bell’asta, già da gennaio, anche se sembra che Martin sia molto, molto vicino al Liverpool, dove ha già fatto uno stage con la prima squadra.

Ma Bayern, Barcellona e United non alzeranno così presto bandiera bianca…

Tanto rumore per un ragazzo così giovane: evidentemente Ødegaard ha davvero le qualità per diventare un campione.

Ronnie Delia, tecnico norvegese del Celtic, si è sbilanciato: “Può diventare il più forte al mondo”.

L’importante è farlo crescere bene e senza mettergli pressioni, perché, ricordiamo, Ødegaard non ha ancora 16 anni e ha ancora tanta strada davanti e un futuro che si prospetta splendente.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.