SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

PARACICLISMO – Roberto Bargna passa alla Briantea84

2 min read

Un volto nuovo di grande prestigio si unisce al neo nato team di paraciclismo della Briantea84 Cantù.

La società canturina infatti ha ufficializzato l’arrivo di Roberto Bargna, classe 1972, medaglia d’oro ai Giochi Paralimpici di Londra 2012.

Oltre al prestigioso oro in terra inglese, Bargna ha collezionato un numero importante di successi: 2 ori e 3 medaglie di bronzo in coppa del Mondo tra dal 2012 e oggi.

Grande soddisfazione da parte del presidente della Briantea84, Alfredo Marson: “Siamo molto contenti di poter avere tra i nostri tesserati Roberto Bargna, campione di umanità prima anche che di sport. La ragione di questa decisione risiede in due aspetti: in primo luogo il fatto che Roberto è un prodotto del nostro territorio, vive e lavora tra Capiago e Barlassina e noi sentiamo fortemente il radicamento a questa comunità. In seconda battuta, Briantea84 è sempre in espansione. Da tempo meditavamo di avviare altre discipline sportive e questa opportunità ci ha dato il via: immaginiamo di poter avere, in futuro, ragazzi che vogliano seguire le orme di Bargna. In questo momento Roberto rappresenta un volano promozionale del movimento ciclistico regionale e dell’attività paraciclistica nei confronti di chi voglia avvicinarsi a questa disciplina. Gli auguriamo di poter realizzare con noi i suoi sogni, sia sportivi che personali, e speriamo di poter fare il tifo per lui alle prossime Paralimpiadi di Rio”.

Ed ecco le dichiarazioni di Bargna: “Per me inizia una nuova avventura, ma voglio precisare una cosa importante: il motivo per cui ho scelto di entrare a far parte di Briantea84 non è quello di puntare sfrenatamente ai risultati agonistici. Nel pieno spirito di questa società e del suo presidente Alfredo Marson, spero vivamente di essere un apripista di questa disciplina inaugurata con me. Non voglio sentirmi dire che sono bravo, preferirei che le persone guardassero a me come a un esempio di come si possa tornare a vivere dopo un incidente che rimette in discussione tutta la tua vita. Questa è la cosa più importante. Ogni anno la competizione a livello internazionale è sempre più serrata. Me ne rendo conto soprattutto perché gli anni passano anche per me. Dopo il brutto infortunio a luglio dell’anno scorso, ho dovuto rallentare un po’ per poter recuperare la forma fisica. Si tratta quindi del mio ritorno in gara: la tappa di Verolanuova rappresenta un test per ritrovare la confidenza con la sella. Insieme al mio preparatore Bruno Sorrentino abbiamo programmato i prossimi mesi con un crescendo: partenza tranquilla per raggiungere il top della forma a luglio per i Mondiali”.

 

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.