SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

RUGBY – Anche in Sicilia si lavora allo sviluppo del minirugby

2 min read

La Federazione Italiana Rugby punta sul minirugby, variante per i più piccoli dello sport della palla ovale.

Per farlo, la Fir ha voluto fortemente coinvolgere il territorio per una discussione sul regolamento del minirugby, comunicando e stimolando proposte su eventuali modifiche allo stesso, per rendere il gioco più aderente alle necessità e peculiarità delle categorie in questione.

Anche in Sicilia si lavora in tal senso, con una prima riunione, tenutasi a Catania lo scorso lunedì, alla quale erano invitati tutti gli operatori del settore, ed a cui hanno partecipato rappresentanti di Acireale Rugby, Cus Catania, San Gregorio, Rugby Enna, Le Aquile Enna, Caltanissetta Rugby e Nissa.

Durante la riunione è emersa l’importanza del minirugby per la formazione dei giocatori del futuro, privilegiando il loro percorso di crescita, come persone-atleti, attraverso evoluzioni progressive e coerenti con l’età e le competenze acquisite.

In questa ottica, il confronto si è concluso con la consapevolezza che bisognerebbe trovare il modo, per ogni Società, di poter offrire ai loro giovani atleti del settore minirugby sempre più momenti di formazione e competizione.

* * *

È partito il torneo siciliano seven under 18, con un primo concentramento che ha visto in campo le formazioni delle Aquile del Tirreno, della Logaritmo Messina e del Clan Messina. «Invito tutte le società a prendere parte al torneo – ha affermato Orazio Arancio, Presidente Fir Sicilia – che è opportunità per non interrompere bruscamente l’attività dei giovani delle under 18, per consentire loro di proseguire formazione, crescita e sviluppo, e di puntare sempre più sulla variante olimpica del rugby, fondamentale volano per il nostro sport».

 (Ufficio Stampa)

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.