17 Settembre 2021

Sport in Condotta

La voce della passione

SERIE B- Addio Cesena, ripartirà dai dilettanti dopo il fallimento

2 min read

Il Cesena, non ha presentato ricorso, nonostante avesse tempo fino alle 19, 30 di stasera come tante altre squadre di serie B e C bocciate nei giorni scorsi dalla Covisoc.

Lascia la serie cadetta una squadra gloriosa, che ha scritto pagine importanti del nostro calcio, con ben 13 apparizioni nella massima serie e anche una partecipazione in Coppa Uefa negli anni 70.

Sul sito ufficiale in data odierna della società i tifosi hanno letto un paio di ore fa il seguente triste annuncio “L’A.C. Cesena comunica che il Consiglio di Amministrazione riunitosi in data odierna ha deliberato di aderire all’istanza di fallimento avanzata dalla Procura della Repubblica di Forlì.”

Termina una storia lunga ben 78 anni, il Cesena ripartirà dai dilettanti, destino che ha accompagnato molte squadre prestigiose negli ultimi anni.

Nell’ultimo anno il Cesena si era salvato grazie anche all’operato di Mister Castori, con un finale decisamente in crescendo.

Troppi i milioni di debito contestati alla società di Cesena, già da giorni la situazione sembrava disperata. L’udienza del fallimento è fissata per il giorno 9 agosto.

Fra i nomi illustri che hanno militato nel Cesena in passato bisogna ricordare Marcello Lippi che salvò la squadra nella stagione 1989-1990 dopo un grande girone di ritorno, Dario Hubner, bomber degli anni 90, Arrigo Sacchi nelle giovanili,  ma anche in tempi più recenti Giaccherini, Parolo, Nagatomo,  e allenatori del calibro di Vavassori, Castori, Ficcadenti, Arrigoni, Bisoli, Giampaolo  e un presidente carismatico e storico come Edmeo Lugaresi, scomparso nel 2010. L’ultima stagione in serie A è stata quella del 2013-2014.

E pensare che solo pochi anni fa, nella stagione 2016-2017 il Cesena era arrivato addirittura ai quarti di Coppa Italia dalla quale fu eliminata dalla Roma.

Al Cesena e ai suoi tifosi un augurio di un ritorno fra le categorie che questa società merita.

Sì, oggi abbiamo perso un pezzo di Storia del calcio italiano.