SERIE C- La Covisoc boccia (per il momento) il Monza per la questione stadio

Dopo i vari colpi di mercato del Monza, fra cui quello di Reginaldo, ieri è arrivata la bocciatura della Covisoc che ha escluso la squadra brianzola e altre di serie C e B dal prossimo campionato.

Mentre per gli altri team la questione è legata, come ogni anno, a problemi di ordine economico-finanziario, per il Monza la bocciatura si lega alla presunta inagibilità dello stadio Brianteo.

La squadra ha comunque tempo fino a lunedì per fare ricorso alla Commissione Vigilanza e la sentenza definitiva arriverà il 20 luglio.

Trapela comunque ottimismo nella società brianzola: ieri il presidente Nicola Colombo a Monza News ha affermato: “In ogni caso siamo tranquilli, si tratta semplicemente di un cavillo documentale che andremo a sanare attraverso il ricorso che presenteremo lunedì’ “.

Sempre in giornata la società ha emesso un comunicato sul sito ufficiale in cui afferma “di aver dato incarico all’avvocato Cesare Di Cintio al fine di presentare ricorso ai sensi del titolo IV delle Licenze nazionali 2018/2019 approvate con comunicato ufficiale n.28 del 13 aprile 2018 al quale sarà allegato il documento rilasciato dalla Commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, riunitasi in data odierna, che ha espresso parere favorevole all’agibilità dell’impianto, la solidità e la sicurezza dello stesso, per lo svolgimento delle attività/manifestazioni calcistiche”.

La squadra continua intanto la preparazione dopo il raduno del 10 luglio agli ordini di mister Zaffaroni, in attesa di nuovi colpi di mercato e della sentenza della Covisoc. Nelle prossime settimane sono attese varie amichevoli prima dell’esordio in Tim Cup il 29 luglio proprio al Brianteo con un avversario ancora da definire).

Il campionato inizierà invece domenica 26 agosto, doveroso per il Monza essere ai nastri di partenza!

 

About Fabio Inferrera 45 Articles
Nato a Monza il 12 gennaio 1977, siciliano di origine, uomo di mondo d’adozione. E’ laureato in Lettere moderne presso l’Università degli studi di Milano. Amore smisurato per lo sport, dal calcio al basket, disciplina quest’ultima praticata per oltre dieci anni in gioventù, con la passione per le storie belle da raccontare.