SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

BASKET IN CARROZZINA – Ad Alfredo Marson l’oscar della solidarietà

2 min read

C’è anche il nome di Alfredo Marson tra i dieci vincitori del premio “Il Campione 2014”, voluto fortemente da Mario Furlan, presidente dell’associazione City Angels che dal 1994 si impegna per contrastare il disagio sociale. La cerimonia di premiazione si è svolta giovedì 30 gennaio alle 12, nella prestigiosa sala Alessi di Palazzo Marino, alla presenza del Vice Sindaco di Milano Ada Lucia De Cesaris.

Si tratta di un riconoscimento conferito a cittadini meritevoli che, nel corso del 2013, si sono distinti per il proprio impegno sociale e civico, mettendosi al servizio della comunità e diventando portatori di valori etici e positivi. Ai vincitori è stata consegnata una statuetta in vetro che rappresenta la sagoma di un uomo con un grande cuore in mano.

A selezionare i “Campioni”, una giuria composta da direttori e giornalisti di quattordici organi di stampa: Affaritaliani.it, Ansa, Avvenire, Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport, Il Giorno, Il Giornale, Libero, Metro, La Repubblica, Il Sole 24 Ore, La Stampa, Tgcom24, Tgr Rai. Tra i vincitori tanti nomi illustri, Martina Colombari, Campione per le emergenze umanitarie, il conduttore televisivo Marco Berry, Campione per lo spettacolo, e il commentatore sportivo Massimo Mauro, Campione per lo sport.

“In questo periodo in cui tante cose non vanno bene – ha dichiarato il presidente Furlan – la reazione più diffusa è quella di lamentarsi. I Campioni sono coloro che si tirano su le maniche e si danno da fare, senza aspettare che le cose accadano e migliorino da sole”.

“Sono onorato di ricevere questo importante premio – ha dichiarato il presidente di Briantea84 Alfredo Marson -. Da trent’anni la mia vita è fatta di sport, i miei atleti sono il mio ossigeno. Non mi alzo la mattina pensando di salvare vite umane, ma faccio del mio meglio per regalare emozioni sportive. Nel farlo, mi rendo spesso conto che i risultati, in termini di realizzazione personale, autonomia, felicità, sono enormi. Chi fa sport vive una vita migliore, io non mi prendo meriti ma sono felice di assistere a questi miracoli quotidiani”.