28 Settembre 2022

SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

CALCIO – ADDIO EUSEBIO: si è spenta la Pantera Nera

2 min read

Nella notte un’insufficienza cardiaca ha portato via l’ex stella portoghese del Benfica, un pezzo di storia del calcio mondiale.

 

Questa notte si è spento Eusebio, simbolo del movimento calcistico portoghese e non solo, colpito da un’insufficienza cardiaca all’età di 71 anni, anche se era già gravemente malato dal 2012 (fu ricoverato durante gli Europei in Polonia, quando volle seguire la Nazionale rossoverde).

La Pantera Nera, come era ribattezzato, nacque il 25 gennaio 1942 nella ex colonia portoghese del Mozambico, ovvero Lourenço Marques.

Per 15 anni Eusebio ha indossato la gloriosa maglia del Benfica (1960-1975), vincendo la Coppa Campioni nel 1962 segnando una doppietta in finale.

È stato un grandissimo centravanti, che in patria ha vinto tutto (11 scudetti e 5 coppe nazionali) segnando con una frequenza impressionante: il top nella stagione 1967/1968, con ben 42 gol in sole 24 presenze, che gli valse il premio della Scarpa d’Oro (vinta anche nel 1973).

Eusebio è entrato nella storia per essere stato il primo calciatore di colore a vincere il Pallone d’Oro, nel 1965.

Con la maglia del Portogallo, invece, ha disputato 64 partite ufficiali segnando 41 volte: ai Mondiali inglesi del ’66, ha vinto la medaglia di bronzo ma si è laureato capocannoniere dell’edizione con 9 reti.

Lasciò il Benfica nel ’75 per approdare nell’allora semisconosciuta lega americana con i Boston Minutemen, quindi andò in Messico al Monterrey, poi fu Canada con i Toronto Metros Croatia con cui vinse il suo ultimo titolo in carriera segnando 18 gol in campionato.

Fece un breve ritorno in patria al Beira-Mar, chiuse ufficialmente la sua carriera nel 1979 al New Jersey Americans sempre oltre oceano.

Questo un video che ricorda le sue più fantastiche prodezze.

http://youtu.be/U49j7ZHxC6c