SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

CALCIO ESTERO – Dalla Francia pesanti accuse a Fabrizio Ravanelli

2 min read

L’esonero dall’Ajaccio ha aperto una pesante polemica tra la squadra e l’ex juventino, accusato di somministrare integratori in abbondanza.

 

È finita da pochi giorni la prima avventura da allenatore per Fabrizio Ravanelli che, dopo una grande carriera da centravanti di Juventus, Middlesbrough, Marsiglia e Perugia su tutte, aveva accettato l’estate scorsa la proposta francese dell’Ajaccio.

Storia inizia con grande entusiasmo, ma naufragata con una serie di pessimi risultati in Ligue 1, con solo un successo in campionato e la zona retrocessione divenuta subito realtà.

Così la società ha deciso per l’esonero di mister Ravanelli che, mestamente, ha fatto rientro in patria.

Ma, passata l’onda del cambio, ecco uscire le prime polemiche direttamente dalla squadra.

Scatenato, in particolare, il calciatore Cedric Hengbart che ha pubblicamente accusato il suo ex allenatore di aver attuato metodi poco chiari: “Fin dall’inizio della stagione ci ha invitati a fare uso di questi prodotti e io sono stato uno dei pochi a rifiutare in modo categorico. Sono nate delle discussioni ma a 33 anni non voglio iniziare a prendere certe sostanze. Ho più di 10 anni di carriera alle spalle, ho giocato in Champions, ho fatto più di 40 partite a stagione per due o tre anni di fila senza prendere nulla. Usare prodotti per aiutare le prestazioni mi sembrava come ricorrere al doping anche se doping non era”, ha raccontato a Canal Plus.

Pronta la risposta di Ravanelli ai colleghi italiani di Sky Sport 24: “Erano integratori alimentari che si possono trovare al supermercato e che potrebbe prendere pure mia nonna. Hengbart? Lui avrebbe potuto prendere anche 50 chili di prodotti, ma con me non avrebbe giocato mai. Però non penso a ripicche personali, io appartenevo a una squadra corsa e sono italiano, non capisco il motivo di un tale accanimento. Sono davvero amareggiato”.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.