28 Settembre 2022

SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

CALCIO ESTERO – Pietro Vierchowod torna in panchina

1 min read

Gli allenatori italiani piacciono sempre di più all’estero, così dopo Gennaro Gattuso (fresco di approdo in Grecia all’Ofi Creta, leggi qui) un’altro mister nostrano emigra fuori confine.

Questa volta tocca a Pietro Vierchowod, roccioso ex difensore di Como, Roma (scudetto nel torneo ’82/’83), Sampdoria (campione d’Italia ’89/’90), Fiorentina, Juventus (vincitore della Champions League nel 1996) e Milan, capace di arrivare a giocare in Serie A fino all’età di 41 anni chiudendo col Piacenza nel 2000 (e partecipare a ben 3 Mondiali con l’Italia, tra cui quello storico della 3° stella del 1982 in Spagna).

Lo Zar ha poi intrapreso la carriera da allenatore nel dicembre 2001, quando fu ingaggiato dal Catania (allora relegato nella vecchia Serie C1) salvo poi essere esonerato a 2 giornate dalla fine.

Quindi nell’estate 2002 il grande approdo alla neo nata Florentia Viola, club fondato dai fratelli Della Valle sulle ceneri della vecchia Fiorentina appena fallita: scende in Serie C2 con i toscani ma viene licenziato dopo 9 partite deludenti.

Quindi la sua ultima panchina, ovvero quella della Triestina in Serie B nella stagione 2005/2006: il 21 novembre viene però esonerato.

A 9 anni di distanza, Vierchowod torna in pista e va allenare l’Honved in Ungheria, prendendo il posto del collega Marco Rossi.

Da Budapest riparte la sua carriera.