SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

CALCIO GAELICO FEMMINILE – Le 17 azzurre convocate in Nazionale da coach Franco

2 min read

Sono 17 le giocatrici che rappresenteranno l’Italia il prossimo 15 novembre nel test contro la Francia (in programma a Tolosa), che segnerà l’esordio assoluto del movimento del Calcio Gaelico Femminile.

Il coach Raffaello Franco ha scelto le seguenti giocatrici (tra parentesi i ruoli): Mariangela Gallo (Goalkeeper); Samanta Botter, Debora Codogno, Alice Magnabosco (Full-back); Elisa Maniero, Angela Masiero, Chiara Sandonà (Half-back); Miriam Ciavatti, Annachiara Romanini, Daniela Scalia (Midfielder); Rossella Astolfi, Jinging Chen, Maria Grazia Leali, Claudia Scalia (Half-forward); Martina Barin, Giulia Callegaro, Giada Ruggero (Forward).

Il primo storico capitano azzurro sarà Alice Magnabosco, classe 1987, già giocatrice del team Torelle Sudate iscritto alla Coppa Italia femminile di “rugby a 7” organizzata dalla FIR.

“Non è stato un compito facile selezionare le 17 atlete che rappresenteranno il nostro Paese in Francia nel prossimo autunno. In questi ultimi mesi ho lavorato con una trentina di atlete e tutte hanno sempre dato il massimo, dimostrando impegno e dedizione in uno sport per molte nuovo. Abbiamo curato molto l’aspetto atletico e, soprattutto, quello tecnico-tattico e tutte hanno raggiunto un livello complessivo di preparazione più che sufficiente che mi lascia molto soddisfatto. Certo, c’è ancora da lavorare su molti dettagli, ma in tutte vedo ancora grossi margini di miglioramento”, il commento di coach Franco.

Che ha chiuso dicendo: “Sono consapevole che a Tolosa non sarà una passeggiata anche perché la squadra francese potrà contare su una maggior esperienza. Comunque non ho certo intenzione di andare in Francia solo per partecipare ad una gita e festeggiare il compleanno della federazione transalpina. Per questo ho cercato di disegnare una squadra equilibrata. Un mix di esperienza, freschezza atletica e preparazione fisica. Questo ha inevitabilmente comportato il fatto di dover fare delle scelte anche dolorose perché, lo ripeto, tutte avrebbero meritato questa chance. Purtroppo però questa è la legge dello sport e le ragazze, tutte atlete di lungo corso in altre discipline sportive, lo sanno, ne conoscono le dinamiche ed hanno accettato, senza drammi o polemiche, le mie scelte. Voglio sottolineare questo punto perché purtroppo oggi non siamo più abituati a vedere accettate serenamente, giuste o sbagliate che siano, quelle che sono le scelte di un allenatore. Voglio fare dunque un ulteriore plauso a tutte le ragazze che hanno aderito con entusiasmo al programma di “Gaelic Football in rosa” e ringraziarle per tutto quello che mi hanno insegnato in questi mesi passati assieme. Si, avete capito bene: insegnato! Il compito di un coach infatti non è solo quello di trasmettere alla squadra quella che può essere, bene o male, la propria esperienza, ma anche quella di imparare dalla squadra quelle che sono le esigenze del gruppo, imparare ad ascoltare, guardare e, soprattutto, imparare anche dai propri inevitabili errori! Serve insomma grande umiltà e spirito d’adattamento, tutte cose che queste atlete mi hanno aiutato a trovare”.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.