28 Settembre 2022

SPORT IN CONDOTTA

LA VOCE DELLA PASSIONE

Le scommesse sui Mondiali: il Napoli dei record

3 min read

Calendario-dei-mondiali-di-Calcio-2014-in-BrasileAi tifosi partenopei piace tanto parlare del Napoli senza dover scomodare il grande Diego Armando Maradona. Sì, perché il tempo dei grandi fasti ha un odore stantìo, ed è necessario aprire un nuovo ciclo di vittorie, magari partendo proprio dalla prossima stagione. Tra scaramanzia e smorfia, passando per cornetti portafortuna e versioni in miniatura di San Gennaro, c’è chi è pronto a scommette che il prossimo sarà l’anno della svolta. Gli scongiuri sono di rito, ma chi volesse puntare sulla compagine azzurra come possibile vincitrice del campionato di Serie A 2014/2015 avrà solo l’imbarazzo della scelta. Grazie ai siti di scommesse sportive infatti, è possibile effettuare la propria giocata restando comodamente seduti, di fronte al Pc, in pochi e semplici click.

Seppur il Napoli, dopo la stagione appena conclusa, non sia riuscito a conquistare il tanto agognato scudetto, ha comunque raggiunto il terzo posto, valido per l’accesso ai preliminari di Champions League.
E, come se non bastasse, è il terzo club al Mondo per numero di giocatori inviati ai Mondiali di calcio che si svolgeranno in Brasile.

Il livello della squadra si è alzato parecchio e, con Benitez, è arrivata una vera e propria rivoluzione, sia a livello di gioco che di rosa. Dopo gli acquisti dei tre ex-madridisti Callejon, Albiol e Higuan, Napoli ha visto esplodere il talento dei giovani. Da Mertens a Zapata, senza dimenticare Lorenzo Insigne, capace di incantare la platea con colpi da fuoriclasse e di conquistarsi un posto tra i 31 scelti da Prandelli.

La Coppa Italia conquistata a spese della Fiorentina è stata la ciliegina sulla torta ad una stagione di tutto rispetto, anche se non esaltante. In Europa il Napoli ha dimostrato di poter dare filo da torcere a chiunque, e quel terzo posto nel girone, conquistato a pari-merito con Arsenal e Borussia Dortmund è un boccone amaro che tutt’ora viene mal digerito. Tutto sommato però, la squadra di Benitez ha dimostrato sul campo di poter essere competitiva, anche se manca ancora quella dose di cinismo necessaria a non perdere punti con le cosiddette ‘piccole’. Una qualità che la Juventus di Antonio Conte ha saputo trasformare in oro, vincendo a mani basse il campionato meno incerto della storia. 102 punti, cinque in più dell’Inter dei record di Mancini e terza stella acquisita anche per chi si è sempre rifiutato di riconoscere i titoli vinti sul campo.

Il Napoli dal canto suo è in fase di crescita e i risultati possono considerarsi più che soddisfacenti se si considera la strada intrapresa negli ultimi anni. Con la prossima stagione gli azzurri potranno vantare la terza presenza consecutiva alla coppa europea più ambita dai grandi club, un traguardo di tutto rispetto se si considera il decennio precedente. Un obbiettivo raggiunto con sacrifici, sia economici che societari, ma anche grazie ad una rosa di valore assoluto. Non è un caso, infatti, che il Napoli sia la terza squadra al mondo per numero di nazionali convocati in occasione del prossimo mondiale. Soltanto il Manchester United e il Bayern Monaco, rispettivamente con 14 e 16 giocatori, possono competere con la compagine partenopea.

Un dimostrazione aggiuntiva della qualità indiscussa degli uomini a disposizione di Benitez, che se verrà assecondato nei suoi intenti, potrebbero avvalersi di qualche nuovo compagno nel prossima campionato. Se qualcuno avesse ancora qualche dubbio riguardo il progetto tecnico messo in atto dal presidente De Laurentis, questa curiosità potrebbe venire in soccorso. Il numero potrebbe addirittura salire a sedici se si considerano i giocatori ceduti in prestito ad altre squadre, come Andujar, Armero e Vargas. Una squadra di campioni affermati ed affamati, come trapela dalle parole di Higuain, il vero colpo di mercato della scorsa sessione di mercato estiva. L’argentino, dopo aver sollevato il suo primo trofeo in Italia, ha ammesso di voler emulare proprio Diego Maradona, vincendo sia il mondiale che lo scudetto con il Napoli. I tifosi sono avvisati, anche l’anno prossimo ne vedremo delle belle.